La cura e la diagnosi delle malattie degli occhi dei nostri amici cavalli

La cura e la diagnosi delle malattie degli occhi dei nostri amici cavalli

Indiscutibilmente la vista, per umani e animali, è un senso fondamentale per svolgere al meglio qualsiasi attività. Fin dalla tenera età uno degli specialisti più frequentati dalla popolazione umana è sicuramente l’oculista. Purtroppo quando si parla di cavalli la situazione è ben diversa: dentista, osteopata, veterinario di base, ricopriamo i nostri cavalli, soprattutto quelli sportivi, di attenzioni, ma quanto spesso chiamiamo l’oculista? Raramente. L’oftalmologia equina negli ultimi anni ha sicuramente fatto grandi passi avanti ma l’ignoranza intorno a questa affascinante e fondamentale materia è ancora molta.

Il cavallo, a causa della sua particolare conformazione anatomica caratterizzata da una posizione dell’occhio molto esposta, è predisposto a tutte quelle che sono le patologie traumatiche tra cui ulcere e lacerazioni corneali e degli annessi oculari. Altre patologie frequenti sono ascessi corneali, infezioni micotiche, soprattutto nel periodo estivo, patologie immunomediate e molto altro ancora. Poi vi sono molte altre patologie che possono interessare le strutture intraoculari, quali soprattutto le uveiti e le cataratte. Possiamo dire, generalizzando, che nel cavallo si riscontrano più frequentemente i problemi a carico della cornea e problemi infiammatori intraoculari, definiti appunto uveiti.