La vita di un puledro

La vita di un puledro


I puledri trascorrono i primi mesi di vita insieme alle madri, prima di iniziare lo svezzamento intorno ai cinque-sette mesi ed essere trasferiti in una zona loro dedicata, chiamata solitamente “puledraia”, dove completano la crescita sino a circa un anno di età.

A questo punto iniziano la doma e l’addestramento, di tipo diverso per galoppatori e trottatori. L’attività agonistica ha inizio intorno all’anno e mezzo, e già a due anni possono partecipare a corse riservate a cavalli di questa età. A tre anni purosangue e trottatori sono nel pieno della loro attività agonistica, che può durare in media sino ai 5 anni per il galoppo e di 7 anni per il trotto. Nel galoppo non esistono limiti massimi di età per partecipare alle corse, mentre nel trotto il limite è di 10 anni d’età.

I migliori stalloni, destinati alla riproduzione, terminano la carriera delle corse molto presto: di solito, quattro anni per il galoppo e cinque-sei per il trotto; le migliori femmine possono essere avviate alla riproduzione già a tre anni.